I vantaggi del sistema IAV Power

Tech & Tests

Molti power meter calcolano la potenza sulla base della velocità angolare (o cadenza) media per giro, come se ogni pedalata fosse sempre perfettamente rotonda e uniforme. In questo articolo vedremo come questa approssimazione possa impattare pesantemente sull’accuratezza dei dati della potenza rilevata, specialmente se si usano corone ovali.

In seguito, vedremo come invece i sistemi basati sulla velocità angolare istantanea (Instantaneous Angular Velocity), come IAV Power, permettano di garantire e mantenere il massimo grado di accuratezza anche dove i primi falliscono. 

Nozioni di base: come funziona un power meter comune?

I misuratori di potenza per il ciclismo ad alta precisione sono posizionati su parti rotanti della bicicletta (pedali, pedivelle, mozzo, ragno, ecc.) e, indipendentemente dalle differenze tecnico-costruttive, tutti effettuano il calcolo della potenza sulla base di due grandezze: la forza e la velocità angolare.

Sia la componente di forza, sia quella di velocità angolare, non sono costanti ma variano continuamente all'interno dello stesso giro di pedalata.

Queste variazioni possono essere anche molto significative e dipendono da diversi fattori, quali: lo stile di pedalata, la preparazione atletica del ciclista, la tipologia di corona utilizzata, la pendenza del terreno, il modello di rullo usato, ecc.

Conformemente a quanto detto quindi, per garantire il massimo grado di accuratezza in qualsiasi situazione, il calcolo della potenza generata in una pedalata dovrebbe tener conto delle variazioni sia della forza, sia della velocità angolare.

Generalmente i misuratori di potenza rilevano la variazione della forza attraverso opportuni sensori (es. estensimetri); questi permettono di misurare la forza centinaia di volte al secondo durante l’intera rotazione. I valori rilevati sono detti campioni.

 La variazione della velocità angolare invece sembra essere comunemente trascurata, ovvero non viene campionata. Molti power meter infatti usano la velocità angolare media (Average) del giro al posto del valore istantaneo (Real).

Dove sbagliano alcuni power meter?

Usare il valore medio (AVG) della velocità angolare, invece della sua forma istantanea (REAL), vuol dire considerare ogni pedalata come perfettamente rotonda e uniforme: questo tipo di pedalata nella realtà non esiste.

La ricerca Favero Electronics (accesso al materiale di ricerca) ha mostrato in modo evidente che non considerare le variazioni della velocità angolare impatta negativamente sull'accuratezza dei misuratori di potenza in qualsiasi situazione di pedalata, in particolar modo quando si usano corone ovali. Infatti, nel documento “Influenza della velocità angolare di pedalata sull'accuratezza della potenza del ciclista” è possibile vedere come un sistema di misurazione della potenza che non rileva la velocità angolare istantanea introduce un errore che può arrivare al 4.5%.   

Quali sono i vantaggi di IAV Power?

Il nuovo sistema IAV Power (Instantaneous Angular Velocity-based Power calculation) è il sistema di calcolo della potenza di Assioma basato sulla velocità angolare istantanea (Real).

Grazie a soluzioni software proprietarie, Assioma sfrutta appieno le potenzialità del giroscopio tre assi integrato: rilevando il reale andamento della velocità angolare, con le sue variazioni, ed integrandolo nel calcolo della potenza. In questo modo, non solo l’accuratezza complessiva è stata aumentata al ±1% ma è anche garantita in condizioni di pedalata reale. Non solo nei test di laboratorio.

Ecco alcune situazioni più comuni nelle quali il sistema IAV Power dimostra la sua rilevanza:

  • Pedalate “stantuffate”: sopratutto in salita con pendenze elevate, in piedi o da seduto, il ciclista tende a dare delle pedalate molto irregolari aventi variazioni di velocità angolare molto pronunciate.

  • Su rullo: ogni rullo d’allenamento ha un sistema di frenaggio atto a ricreare la giusta esperienza d’uso per il ciclista. Questo sistema cambia da modello a modello, e poiché l’inerzia prodotta impatta direttamente sulla velocità angolare della pedalata, si ha una immediata influenza sull’espressione della potenza.

  • Le corone ovali sono progettate per sfruttare l’andamento pseudo-sinusoidale della coppia di pedalata. In questi casi, è fondamentale avere un power meter capace di rilevare istantaneamente la velocità angolare, perché le variazioni di questa non sono solo inevitabili, ma addirittura meccanicamente accentuate.

Il nuovo sistema IAV Power di Assioma nasce per rispondere alle reali esigenze dei ciclisti ed è stato non solo ispirato, ma anche affinato grazie al continuo feedback di chi ci ha già scelto. Il sistema IAV Power è solo una delle tante soluzioni uniche che nascono da questo prezioso scambio di esperienze, la vostra e la nostra. Per scoprire altri particolarità e punti di forza di Assioma, leggi anche “Assioma: l'unico misuratore di potenza con...