752,95 km: Favero Assioma al fianco di Bertuola nell’impresa da record

Dati & Atleti

752,95 km di strada e 9.000 m di dislivello: questi sono i numeri della 24H Castelli da record di Alessandro Bertuola. La vittoria del beta-tester di Assioma riempie di orgoglio la Favero Electronics e mostra a tutti dove può arrivare la passione di un ciclista quando è guidata da dati concreti.

La gara

Sabato 10 giugno si è tenuta la 24H Castelli a Feltre, ai piedi delle Dolomiti in Italia, una maratona ciclistica su un circuito cittadino di 1850 metri che non si fa mancare niente: salita, falsopiano, discesa tecnica, rettilineo veloce, tratto in pavé.
Alessandro Bertuola ha vinto nella categoria “Only One” con lo straordinario risultato di 407 giri in 24 ore, battendo di ben 56 giri – più di 100 km – il record preesistente!

Assioma: un punto di riferimento costante

In questi 752,95 km – praticamente la distanza che separa Feltre da Napoli – il misuratore di potenza Assioma ha dimostrato di essere un fido e utilissimo compagno di gara per Bertuola.

“Ho pedalato con tutte le mie forze e quando mi sembrava di non potercela fare ho usato il cuore ─ il tifo dei miei sostenitori e di molti concorrenti delle squadre – ma soprattutto la testa: Assioma è stato un punto di riferimento insostituibile per capire come gestire le mie energie.” Ci ha raccontato entusiasta il ciclista trevigiano. “Guardando i miei valori di potenza ho potuto verificare l’attendibilità delle mie sensazioni. Una 24 ore è un evento piuttosto inusuale per me: in più occasioni avrei rischiato di strafare se non avessi monitorato la potenza.”

Infatti, In gara il ciclista ha messo in atto una strategia di gestione dello sforzo basata sul mantenimento di una certa produzione media di potenza. Il valore di potenza media è stato calcolato sulla base dei dati registrati negli ultimi mesi da Assioma durante i suoi allenamenti più lunghi: comunque inferiori alle 6 ore. Durante la gara, Bertuola ha cercato di attenersi a questo valore di riferimento osservando la media di potenza su un periodo di circa un’ora: il risultato è stato eccellente.

Analisi a posteriori

I dati registrati durante la gara potranno tornare utili a Bertuola per migliorare ulteriormente le sue prestazioni sulla base dell’analisi di certe sue specificità e caratteristiche che con i soli dati di velocità o di frequenza cardiaca probabilmente non avrebbe mai notato.

Per esempio, osservando i soli dati di frequenza cardiaca Bertuola riscontrerebbe solamente una costante diminuzione del battito del cuore: non congruente alla produzione di potenza.

Inoltre, non potrebbe osservare altre interessanti correlazioni tra l’andamento delle sue prestazioni (la produzione di potenza) e altri fattori contestuali, come, per esempio, l’aumento della temperatura nelle ore più calde, la variazione giorno/notte, l’andamento della gara, l’incitamento del pubblico, ecc.

Il grafico qui sotto mostra e mette a confronto i valori registrati durante la maratona: in rosso quelli relativi alla frequenza cardiaca e in blu quelli relativi alla potenza.

In conclusione…

We, Favero Electronics, take this opportunity to congratulate publicly with Alessandro Bertuola: Alessandro, thank you for your precious collaboration and for sharing this success with us. We can’t wait to accompany you through your next challenge!